20/04/12

Torniamo al capitolo dei gioielli "unici"

intanto,mi piacerebbe ricordare di scegliere sempre questo tipo di font,che è COURIER,mi piace molto scrivere così.
dopo questa mia personale illazione che potrebbe anche non interessare a nessuno,ora passo a farvi vedere cosa ho combinato con quei fogli di Polishrink,da cui si ottengono(o si dovrebbero ottenere gioiellini unici,perchè antecedentemente disegnati a mano libera da noi stessi.
Oddio,ho scoperto che c'è un tipo di polishrink stampabile,per cui uno può anche non disegnare niente e stampare direttamente sul foglio quello che vuole,ma allora,dov'è il divertimento?
Ad esempio,io non sono una disegnatrice brava,neanche "bravina",ma mi sono sempre divertita a disegnare facce di donnine un pò Vintage,retrò,oppure,tutto il contrario,facce abbastanza inquietanti di donne quasi aliene.
Ora,bando alle ciance,pubblichiamo qualcosa.
Voglio iniziare dalle donnine retrò



di questa tecnica,che di per sè è semplice,bisogna sapere una cosa iniziale,cioè che l'oggetto che otterremo,una volta messo il foglio disegnato in forno o riscaldato con la pistola ad aria calda,il nostro bijoux avrà le dimensioni quasi dimezzata.Se cioè,il disegno è alto 20cm,e largo 20cm,il quadrato che otterremo sarà 10cmx10cm.


qui infatti ho fotografato il mio disegno con vicino l'oggetto ottenuto dopo il breve passaggio nel forno(bastano 3minuti a 150-170gradi)


ovviamente non poteva mancare l'esperimento con gufi e civette,mi sembra molto logico,quindi,mi sono divertita a creare un pendente finalmente come lo volevo io,ecco qui:

qui ambientato sul disegno originale,dove si vede come le dimensioni si sono ridotte quasi della metà



2 commenti:

  1. Non avevo mai visto questa tecnica !
    molto bella ,e brava a te ......
    Gloria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille sto cercando di imparare!

      Elimina

netparade

sito

commenti e saluti

vieni a vedere gli outfit che creo qui su polyvore